A Bologna 50 milioni per le start-up

A Bologna 50 milioni per le start up

Nel 2016 sarà realizzato il Barcamper Garage di Bologna, un programma di accelerazione di start-up e spazio di innovazione, affiancato da un fondo venture capital, che effettuerà investimenti per un totale di 50 milioni di euro. Obiettivo del programma: attirare e lanciare 50 start up provenienti dall’intero territorio nazionale.

Il progetto, grazie all’accordo tra Unindustria, Comune di Bologna e Dpixel (azienda che anima il progetto) sarà realizzato alle Aldini Valeriani, all’interno degli spazi dell’ex laboratorio edile.

A Bologna 50 milioni per le start up

Le Aldini sono la prima scuola superiore pubblica e gratuita d’Italia, attiva da oltre 160 anni e eccellenza del nostro territorio. L’apertura del “Barcamper Garage” è la realizzazione dell’ipotesi, nata nel 2013, della costituzione di un Fondo per le Startup, al quale il Comune di Bologna avrebbe potuto contribuire anche conferendo patrimonio, così come avviene oggi, dato che le Aldini sono comunali.

Il programma ospiterà su un’area complessiva di circa 800 mq le startup selezionate in tutta Italia attraverso il ‘Barcamper’, per lavorare a stretto contatto con il team di Dpixel e mettere a punto i propri progetti, prototipi, business plan e contatti con gli investitori.

A Bologna 50 milioni per le start up

Una parte dello spazio e dei contenuti sarà specificatamente dedicato alla fabbricazione digitale e al making. L’apertura del ‘Barcamper Garage‘ si colloca all’interno di un più ampio progetto di sostegno anche finanziario allo sviluppo dell’imprenditorialità e dei talenti innovativi che avrà il proprio fulcro nelle attività del progetto Primomiglio già supportato da Fondo Italiano di Investimento, Banca Sella Holding e da oggi da Unindustria Bologna.

A Bologna 50 milioni per le start up

“Questo progetto è la conferma dell’importanza della Cultura tecnica e della necessità di investire sulle scuole tecniche del nostro territorio, luogo dove educare i nostri ragazzi all’innovazione e all’imprenditorialità. Come Comune e Città Metropolitana, riconosciamo la necessità di una rete per la Cultura Tecnica – dichiara Virginio Merola, Sindaco di Bologna – è necessario governare i processi, liberare risorse, raggiungere obiettivi. Ad oggi abbiamo diversi soggetti in campo: istituti tecnici, istituti professionali, ITS, università, aziende, centri di formazione professionali, fondazioni, enti pubblici e privati che manifestano preoccupazione per la carenza di personale tecnico e dichiarano disponibilità a intervenire per migliorare la situazione. E’ necessario realizzare una cabina di regia, un coordinamento delle azioni. Il Comune di Bologna e la Città Metropolitana possono assumere insieme questo ruolo all’interno del quadro regionale e il fatto che non abbia specifiche competenze nel settore può costituire un elemento di forza perché non si prefigurano interessi nel favorire l’uno o l’altro soggetto. Sempre su questo tema, trovo fondamentale le iniziative messe in campo da alcune grandi aziende del nostro territorio come quelle focalizzate sull’alternanza scuola-lavoro e all’educazione imprenditoriale Ducati e Lamborghini e Philip Morris, il “Giardino delle imprese” realizzato dalla Fondazione Golinelli presso le Serre dei Giardini Margherita, i laboratori per la realizzazione di prototipi per aziende internazionali come Texa, Toyota e Sharp presso l’istituto Belluzzi-Fioravanti. Anche Federico Marchetti, presidente di Yoox, ha annunciato giusto quest’estate la volontà di aprire qui a Bologna una grande scuola di arte della tecnologia”.

A Bologna 50 milioni per le start up
VIRGINIO MEROLA SINDACO BOLOGNA

 

Articolo scritto da Redazione PinkItalia

pinkitaliafooter

Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di PINKITALIA  sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. Ulteriori permessi possono essere richiesti contattando  redazionepinkitalia@gmail.com

Pinkitalia.it
Trattamento dati: Paola Guerci.
La firma degli articoli non dà diritto ad alcuna remunerazione, né vincola a qualsiasi rapporto di prestazione giornalistica che non sia espressamente regolamentato da apposito contratto.
I materiali inviati non verranno restituiti.
Alcune delle immagini riprodotte o rielaborate per la pubblicazione sono reperite da internet o comunque da fonte liberamente accessibile e sono considerate di pubblico dominio (l. 41/633 art. 90) salvo diversa indicazione espressa. Qualora la loro presenza su questo sito violasse eventuali diritti d’autore, gli interessati o gli aventi diritto possono comunicare le loro osservazioni in merito alla pubblicazione delle immagini scrivendo a redazione@pinkitalia.it, che valuterà le richieste e l’opportunità di rimuovere le immagini pubblicate nel pieno rispetto delle normative vigenti.
La redazione si riserva la facoltà di modificare, secondo le esigenze e senza alterarne la sostanza, gli scritti a sua disposizione. Le opinioni espresse nei commenti non implicano alcuna responsabilità da parte di Pinkitalia.it

Privacy Policy

Web Developer Fabio Folgori