Cosebuonedamatti! A Bologna con un click frutta e verdura dal campo a casa tua

Cose buone da matti! A Bologna frutta e verdura dal campo a casa tua
Cose buone da matti! A Bologna frutta e verdura dal campo a casa tua

A Bologna è nato Cosebuonedamatti, il progetto di agricoltura sociale che permette di ricevere comodamente a casa, in tutto il territorio di Bologna e parte della provincia, frutta e verdura a km 0, fresca e genuina, proprio come una volta!

Con una marcia in più: infatti i prodotti sono coltivati da ragazzi in situazione di disagio, persone che la società non considera idonee ad una vita normale. Un progetto finalizzato a far vivere loro una vita davvero speciale!

Cose buone da matti! A Bologna frutta e verdura dal campo a casa tua

FACILE COME UN CLICK

Facile come un click grazie allo shop online: con un semplice click si potrà ordinare in modo facile e sicuro frutta e verdura genuina e di stagione nelle quantità desiderate!

Cose buone da matti! A Bologna frutta e verdura dal campo a casa tua

PRODOTTI FRESCHI, GENUINI E DAL CUORE SOCIALE

Diverse le opzioni per l’utente cliente. Si potrà scegliere di ordinare una spesa personalizzata, da effettuare quando lo si vuole oppure abbonarsi e ricevere ogni sette o quindici giorni una cassetta di prodotti di stagione nel formato più adatto alle esigenze! Oltre alla frutta e verdura, si

può scegliere fra uova, farine, pasta, e tanti prodotti trasformati biologici e del territorio bolognese!

Il portale online socio-agricolo è stato ideato dalle Cooperative Sociali Pictor e La Fraternità, da anni impegnate nell’inserimento lavorativo di persone in situazione di svantaggio attraverso varie attività, tra cui quelle agricole.

La missione è duplice: portare sulla tua tavola prodotti naturali, coltivati attraverso criteri rispettosi dell’ambiente e delle persone, puntando ad una spesa etica, sostenibile e anche comoda!

Cose buone da matti! A Bologna frutta e verdura dal campo a casa tua

Ma Cosebuonedamatti è un progetto che mira a rispondere ad esigenze di integrazione sociale, occupandosi del sostegno e del recupero di persone a rischio di marginalizzazione ed esclusione. Anni di esperienza nella gestione di orti terapeutici per pazienti dei servizi di salute mentale hanno insegnato quanto sia importante per i soggetti più deboli avere degli impegni quotidiani, degli interessi e allo stesso tempo stare a contatto con la natura, che ogni giorno insegna qualcosa di nuovo.

La squadra di agricoltori di Cosebuonedamatti oggi coltiva circa 9 ettari di terreno situati nei territori di Budrio, Castenaso e Mercatale (provincia di Bologna).

Articolo scritto da Redazione PinkItalia

pinkitaliafooter

Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di PINKITALIA  sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. Ulteriori permessi possono essere richiesti contattando  redazionepinkitalia@gmail.com

Pinkitalia.it
Trattamento dati: Paola Guerci.
La firma degli articoli non dà diritto ad alcuna remunerazione, né vincola a qualsiasi rapporto di prestazione giornalistica che non sia espressamente regolamentato da apposito contratto.
I materiali inviati non verranno restituiti.
Alcune delle immagini riprodotte o rielaborate per la pubblicazione sono reperite da internet o comunque da fonte liberamente accessibile e sono considerate di pubblico dominio (l. 41/633 art. 90) salvo diversa indicazione espressa. Qualora la loro presenza su questo sito violasse eventuali diritti d’autore, gli interessati o gli aventi diritto possono comunicare le loro osservazioni in merito alla pubblicazione delle immagini scrivendo a redazione@pinkitalia.it, che valuterà le richieste e l’opportunità di rimuovere le immagini pubblicate nel pieno rispetto delle normative vigenti.
La redazione si riserva la facoltà di modificare, secondo le esigenze e senza alterarne la sostanza, gli scritti a sua disposizione. Le opinioni espresse nei commenti non implicano alcuna responsabilità da parte di Pinkitalia.it

Privacy Policy

Web Developer Fabio Folgori